Queste sono le tendenze del mondo smartphone che domineranno nel 2018

by The Daily Geek 334 views0

Gli ultimi 12 mesi hanno visto la commercializzazione di alcuni degli smartphone con le tecnologie più innovative mai concepiti. Dal Galaxy S8 curvo di Samsung all’iPhone X con il rilevamento facciale di Apple, fino alle sorprendenti capacità fotografiche del Pixel 2 di Google – il 2017 è stato un anno di eccezionali innovazioni in ambito smartphone .

L’innovazione tecnologica non si ferma, le frontiere da esplorare sono numerose, la ricerca muove passi da gigante e il futuro è tutto da scrivere.

Con il 2018, inizia un nuovo anno produttivo e ci siamo divertiti a speculare su quello che l’anno potrebbe avere in serbo per noi. Ci saranno ulteriori scoperte, perfezionamenti, si assisterà all’adozione nella produzione di massa di tendenze e innovazioni che daranno vita ad una nuova serie di smartphone estremamente entusiasmanti.

Ecco cosa ci aspettiamo di vedere quest’anno negli smartphone.

Sensori di impronte digitali sotto il display

Uno dei trend più importanti del 2017 è stato il passaggio verso telefoni  senza cornice con schermi che si estendono da un bordo all’altro – il tutto visualizzato in formato 8: 9, che prevediamo sarà d’ora in poi di serie su molti dispositivi. Ciò ha permesso ai produttori di utilizzare display più ampi e di garantire allo stesso stesso tempo l’utilizzo con una sola mano. Tale trend ha richiesto lo spostamento del sensore di impronte digitali sul retro del telefono o, nel caso dell’iPhone X di Apple, la sua scomparsa.

L’altra soluzione è quello che si intravede già in alcuni dispositivi: i produttori stanno considerando la possibilità di riporre il sensore di impronte digitali sotto il display. Abbiamo visto questo tipo di tecnologia da Qualcomm e Synaptics , e sia Apple che Samsung sono stati oggetto di voci in tal senso. Prevediamo che almeno un produttore di smartphone di fascia alta riuscirà ad adottare tale tecnologia sul proprio flagship nel 2018. Se dovesse funzionare in modo soddisfacente, seguirà sicuramente un’adozione su più larga scala di tale tecnologia.

Tecnologia di sblocco con riconoscimento facciale

Apple non è stata sicuramente la prima azienda ad intuire la potenzialità del Face ID , ma è indubbio che l’azienda ha migliorato tale tecnologia di riconoscimento facciale nei propri dispositivi consentendo un’autenticazione biometrica sicura, veloce e utilizzabile in molteplici varietà di condizioni di illuminazione. Non siamo sicuri che il riconoscimento facciale rappresenti il ​​nuovo standard di sicurezza , ma siamo sicuri che quest’anno ne vedremo l’utilizzo su molti altri dispositivi. Molti produttori offrono già alcune forme di riconoscimento facciale, anche se generalmente non offrono lo stesso grado di sicurezza  come il Face ID di Apple. Samsung offre sui propri dispositivi scansione dell’iride , che è più sicura, ma non altrettanto veloce e comoda da usare.

Ci aspettiamo che Apple utilizzerà il sistema Face ID su altri modelli di iPhone e riteniamo che tutti i principali produttori si sentiranno obbligati a seguire l’esempio proponendo qualcosa di simile. Man mano che aumenta il numero di utenti che utilizzano tale modalità, la tecnologia di sblocco facciale dovrebbe migliorare, ma pensiamo che rimarrà una delle numerose varianti di applicazioni biometriche in offerta ma, non l’unica.

Più realtà aumentata nel telefono

Il concetto di realtà aumentata circola da molto tempo, ma non abbiamo ancora visto un’app davvero così sensazionale da strapparci i capelli. Con smartphone sempre più potenti e lo sviluppo di giochi che girano con questa tecnologia come l’ ARCore di Google  e ARKit di Apple, in questo nuovo periodo tecnologico potremmo assistere a cambiamenti epocali. Ci sono già alcune divertenti app ARKit su iOS mentre Google Lens  mostra come l’AR si potrebbe fondere con l’assistente mosso da intelligenza artificiale del vostro telefono . Pensiamo che ci sarà molto ancora da vedere, e quest’anno l’AR potrebbe decollare in grande stile.

Doppia fotocamera su ogni telefono

Per chiunque ami essere in grado di ingrandire il soggetto o ottenere un effetto bokeh sfocato sullo sfondo che emula una reflex digitale, il 2017 ha visto l’immissione sul mercato di dispositivi con due fotocamere. Abbiamo visto grandi esempi di questa nuova tecnologia su dispositivi come Samsung Galaxy Note 8, Apple iPhone X e Huawei Mate 10 Pro . La doppia fotocamera sta  diventando rapidamente un qualcosa che l’utente si aspetta sul proprio dispositivo.

Per il 2018, ci aspettiamo di vedere la presenza delle due fotocamere di qualità variabile su un’ampia serie di smartphone, noi non riteniamo che l’adozione di tale standard siano fondamentali per portare sul mercato un dispositivo di qualità, a dimostrazione di ciò la nostra scelta per il dispositivo con la miglio fotocamera sul mercato va al Pixel 2 XL a obiettivo singolo.

La ricarica wireless diventa un punto fermo

Abbiamo apprezzato a lungo i vantaggi della ricarica wireless, non ultima la possibilità di ricaricare comodamente il telefono sul comodino al buio senza dover armeggiare con cavi e trovarlo pronto all’uso la mattina successiva. Ora che i due principali produttori di smartphone, Samsung e Apple, lo hanno adottato, pensiamo che la ricarica wireless diventerà uno standard anche per altri produttori.

Ancora più emozionante è la prospettiva di ricarica wireless a distanza. Abbiamo intravisto alcune tecnologie che verranno sviluppate e migliorate nei prossimi anni, fino a renderle compatibili e commercializzabili su nuovi dispositivi. Sarà forse il 2018 l’anno in cui finalmente potremo testare un tale dispositivo? Probabilmente no, ma la speranza è l’ultima a morire.

L’intelligenza artificiale potrebbe rendere la vita più facile

I Pixel 2 e 2 XL di Google rappresentano ad oggi l’apogeo degli smartphone smart, con l’intelligenza artificiale che dà una mano per creare foto migliori, riconoscere oggetti e aiutano a pianificare la vostra giornata. Stiamo anche assistendo ad un impegno nel gioco di intelligenza artificiale da parte di Huawei  con la Neural Processing Unit (NPU) dedicata nel suo chip proprietario Kirin, che spera ci potrà aiutare a prendere “decisioni quotidiane inconsce”. Amazon sta anche cercando di implementare Alexa nel maggior numero possibile di smartphone.

Può essere complicato cavalcare l’onda dell’intelligenza artificiale, ma qui c’è un potenziale reale, ed è qualcosa su cui ogni produttore di smartphone sta lavorando. Abbiamo intravisto le potenzialità e sulle possibili applicazioni, speriamo quindi di vedere esempi di implementazione di intelligenza artificiale nei nostri telefoni più concreti nel 2018.

Display pieghevoli

Il concetto di uno smartphone pieghevole è nell’aria da parecchio tempo. Cosa succederebbe se il nostro normale smartphone potrebbe piegarsi alle dimensioni di un Tablet di piccole dimensioni? Oppure, alla gente piacerebbe un telefono che si ripiega come un contenitore per hamburger per una maggiore portabilità. Grazie alle informazione trapelate in merito ad alcuni brevetti depositati, le voci suggeriscono che il Samsung Galaxy X  potrebbe esserne un esempio, ma non pensiamo che sia una funzionalità da urlo. Gli sviluppi tecnologici nel campo dei display pieghevoli potrebbero consentire nuovi design e forme, ma non ci aspettiamo uno sconvolgimento del mercato con dispositivi pieghevoli nel 2018.

Batterie più efficienti

Speriamo che la durata della batteria aumenti di anno in anno; spesso però i guadagni di efficienza vengono dissipati da design sempre più sottili. Un settore in cui la tecnologia delle batterie negli smartphone è notevolmente migliorata è la velocità di ricarica, e pensiamo che tale trend proseguirà anche nel 2018. Non c’è fine in vista alla ricerca sul come spremere di più dalle batterie agli ioni di litio, o sostituirle con qualcosa di migliore e in tal senso siamo qui per lasciarci stupire da questo nuovo anno tecnologico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>