The Daily Geek
Image default
Home » Come si può sapere se un telefono cellulare ha una buona ricezione prima di acquistarlo?
Featured Networking Smartphone & Tablet

Come si può sapere se un telefono cellulare ha una buona ricezione prima di acquistarlo?

Aris vive accanto ad un “buco di rete” ove il suo telefono risulta esanime, quello di sua moglie funziona ancora. C’è un modo per scoprire se il telefono ha una buona ricezione?

“Ho uno smartphone Moto 3 e mia moglie ha un modello simile ma precedente. Siamo in una zona al margine della ricezione del segnale. Se collego il mio telefono ad un bastone per selfie e mi sporgo dalla finestra riesco ad ottenere un segnale molto debole. Questo non è l’ideale!

Lontano da casa, a volte il telefono di mia moglie riceve un segnale forte, mentre il mio non ne riceve alcuno. Questo mi ha fatto riflettere, chiedendomi se fosse mai stata eseguita una misurazione per valutare quanto un telefono cellulare è valido nel ricevere segnali in aree di scarsa ricezione prima di acquistarlo … e se c’è un modo semplice per uno utente ordinario di capirlo”.Aris

I produttori di telefoni possono testare i loro telefoni, di solito per scopi di certificazione. I risultati del test delle prestazioni desiderati, se possibile, sono il valore Total Isotropic Sensitivity (TIS) per la ricezione e la potenza totale irradiata (TRP) per la trasmissione.

Questi dati non sono di facile comprensione per un utente normale. Inoltre, sono derivati ​​testando le prestazioni in condizioni ideali con una stazione base simulata in una camera anecoica, non con un segnale di dissolvenza su una collina umida e ventosa.

In ogni caso, non credo che i produttori di telefoni utilizzeranno mai i dati TIS nel loro marketing. Ci sono troppe variabili per essere una guida affidabile per determinare un valore di ricezione nel mondo reale. Ad esempio, gli studi hanno rilevato differenze significative tra tenere un telefono nella mano sinistra e tenerlo nella mano destra, che presumo sia collegato al modo in cui i produttori posizionano le loro antenne. Anche le dimensioni delle tue mani e l’angolo con cui reggi il telefono fanno la differenza.

I test sono stati creati dal CTIA – in origine la Cellular Telecommunications Industry Association – per certificare le prestazioni over-the-air dei dispositivi wireless e una breve occhiata al PDF di 591 pagine mostrerà quanto sia complicato. Ad esempio, è possibile misurare le massime prestazioni con un’antenna direzionale, ma gli utenti dovrebbero orientare il telefono verso il trasmettitore invisibile per ottenere i migliori risultati. Invece, il CTIA richiede la “sensibilità sferica del ricevitore irradiata media (TIS) da misurare”. Questo dovrebbe significare che un telefono funziona ugualmente bene in tutte le direzioni, ma è complicato da calcolare.

Un altro problema è che le antenne funzionano con reti telefoniche 2G, 3G e 4G diverse che funzionano a frequenze diverse. Un telefono che funziona bene con GSM 900 potrebbe essere terribile con UMTS 2100. Lo svantaggio di avere un telefono che parla alla maggior parte delle reti è che non sarà ottimizzato per quella che effettivamente usi.

Inoltre, poiché i corpi umani non sono stati standardizzati, le misurazioni TIS e TRP sono realizzate con teste fittizie e mani piene di liquido. I risultati possono variare se si usano persone reali.

Alla fine, le uniche misurazioni che contano sono quelle che si ottengono con la testa e le mani con le frequenze specifiche utilizzate dagli operatori di rete. Ci rimane come soluzione: “chiedi a un amico” e il non molto utile “provalo e vedi”.

Non sono riuscito a trovare molte ricerche pubbliche sulla ricezione dei telefoni cellulari, presumibilmente a causa di alcuni dei problemi sopra menzionati. Il professor Gert Frølund Pedersen ha testato nove telefoni in Danimarca nel 2012 ( PDF ), mentre nel Regno Unito, Ofcom ha utilizzato il test CTIA per controllare 10 telefoni standard nel 2016 ( PDF ).

Ofcom ha nascosto i nomi dei telefoni testati perché non c’erano abbastanza campioni per mostrare differenze statisticamente significative – ha testato tre di ciascun dispositivo – e perché “nessun telefono superava gli altri in diverse bande di frequenza e tecnologie”. Conoscere i nomi non aiuterebbe quindi i consumatori.

Tuttavia, Ofcom ha fatto notare che i non-smartphone hanno sovrastato gli smartphone nei risultati, e che “alcuni degli smartphone testati richiedevano oltre 10x (10dB) di energia in più rispetto ai migliori smartphone non performanti”.

È sempre possibile acquistare un Nokia economico per effettuare chiamate vocali.

Lo scorso anno, il ComReg irlandese (Commission for Communications Regulation) ha testato 71 telefoni mobili disponibili sul mercato irlandese nel giugno 2017. L’obiettivo era “quantificare il livello minimo di segnale richiesto per effettuare o ricevere una chiamata mobile e per lo streaming dati “( PDF ).

ComReg nomina i produttori, specifiche e fornisce risultati, ma solo per TRP (trasmissione attiva) non TIS (ricezione). Non spiega perché. Il test CTIA raccomanda di testare TRP e TIS contemporaneamente, poiché i componenti interni di un telefono (processore, memoria e così via) generano disturbi elettrici che influiscono sulla ricezione.

StellaDoradus ha pubblicato una tabella dei risultati , che include alcuni numeri sorprendentemente bassi per alcuni telefoni popolari. Molto interessante ma non la userei come unica base per una decisione d’acquisto.

Varianti del campione

La maggior parte dei test presuppone che tutti i modelli di un particolare telefono funzioneranno allo stesso modo, ma Ofcom ha riscontrato delle differenze. Come con altri prodotti, i telefoni che sembrano identici possono variare. In alcuni casi, potrebbero essere stati assemblati in paesi diversi e utilizzare componenti leggermente diversi. In altri modelli, i circuiti potrebbero essere stati modificati tra le edizioni. Anche se i componenti interni sembrano essere gli stessi, potrebbero esserci alcune variazioni di esempio, senza che un telefono sia effettivamente difettoso.

In tutto ciò mi chiedo se il tuo Moto 3 è al di sotto della media nelle prestazioni di ricezione. Nella maggior parte dei casi, nessuno lo saprebbe mai, ma tu sei letteralmente un “caso limite”. Con un nuovo telefono, potrebbe valere la pena chiedere al fornitore un campione diverso….

Giù le mani

Sarebbe interessante sapere cosa succederebbe se scambiassi telefono e SIM con tua moglie. Potresti avere una capacità maggiore di tua moglie, elettronicamente parlando, e possibilmente mani molto più grandi. Entrambi possono influire sulla ricezione. Se il tuo Moto 3 funziona meglio nelle sue mani, allora tu o la tua SIM state peggiorando le prestazioni. Potrebbe valere la pena comprare una nuova SIM.

Come già saprai, l’utilizzo del telefono su un bastone selfie può migliorare le prestazioni. È inoltre possibile ottenere una ricezione migliore non toccando il telefono e utilizzando l’altoparlante incorporato.

Potresti anche provare a usare un ripetitore di segnale.

Una femtocella (Femto Access Point) potenzia localmente il segnale 3G utilizzando una connessione a banda larga.

In caso contrario, la soluzione migliore potrebbe essere un Signal Box – che converte qualsiasi servizio a banda larga in una rete di telefonia mobile 3G locale – se è possibile ottenerne uno. Solitamente sono in commercio per utenti aziendali ma magari potrebbe essere possibile acquistarne di seconda mano su eBay.

In alternativa, passa ad un altro operatore. Magari uno che non solo fornisce un segnale migliore nella tua zona, ma che magari ti venderà anche volentieri la sua femtocell, per un prezzo ragionevole.

Probabilmente, non siamo stati in grado di risolvere alla base il tuo problema, ma in questo breve viaggio speriamo di aver dato qualche utile consiglio in un mondo che abbiamo volutamente voluto rappresentare per quello che è: ingannevole, volutamente complesso e altamente fuorviante.

Articoli simili

LG ha lanciato l’aggiornamento stabile di Android 10 per il G8 ThinQ

The Daily Geek

Quanto è sicuro il nuovo iPhone 11?

The Daily Geek

Il dispositivo pieghevole di Microsoft utilizzerà liquidi per ridurre lo stress sul display

The Daily Geek

6 comments

Frank Weber 27 Gennaio 2019 at 3:43 pm

molto utile. grazie

Reply
Stefan Werlen 27 Gennaio 2019 at 4:01 pm

roba complicatissima……

Reply
Giovanni 27 Gennaio 2019 at 4:30 pm

Fantastico. molto utile. almeno abbiamo un paio di info in più

Reply
Banana_meet 27 Gennaio 2019 at 6:40 pm

fantastico. ecco perchè il mio P10 fa così schifo. @Huaweiit @Huawei

Reply
Mia Tettamanti 27 Gennaio 2019 at 7:06 pm

grazie…grazie… volevo comprare un huawei…🤥

Reply
Alexandra Schiller 27 Gennaio 2019 at 7:11 pm

oh che meraviglia, siam messi bene!

Reply

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più