The Daily Geek
Image default
Home » Facebook accusato di comportarsi come un “gangster digitale”.
App Featured InBusiness Sicurezza

Facebook accusato di comportarsi come un “gangster digitale”.

I legislatori britannici hanno accusato Facebook di comportarsi come un “gangster digitale”, abusando del suo potere dominante sui social network. Le notizie ci giungono all’interno di un rapporto devastante inerente la disinformazione e la divulgazione di “fakeNews” redatto dal comitato della cultura, digitalizzazione, media e sport dalla “House of Common” del Parlamento britannico, composto da politici del partito di maggioranza britannici e guidato dal parlamentare conservatore Damian Collins.

Facebook ha deliberatamente infranto le leggi sulla privacy e sulla concorrenza e dovrebbe essere soggetta a una nuova regolamentazione, ha scritto il comitato.

I legislatori hanno accusato l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg di mostrare “disprezzo” per il Parlamento del Regno Unito dopo aver rifiutato di testimoniare per ben tre volte.

Il rapporto è il culmine di un’indagine parlamentare tentacolare di 18 mesi sulla disinformazione e diffusione online di false notizie, che ha ascoltato 73 testimoni e ricevuto 170 osservazioni scritte.

La commissione, ha esaminato il ruolo di Facebook nello scandalo di Cambridge Analytica e le sue pratiche generali sulla privacy. Il rapporto ha anche toccato possibili interferenze della Russia nel referendum sulla Brexit.

Collins ha dichiarato: “La democrazia è a rischio a causa di cittadini disinformati e pratiche pubblicitarie oscure perpetrate da fonti non identificabili, attuate attraverso le principali piattaforme di social media che usiamo ogni giorno. Gran parte di questo è diretto da agenzie che lavorano in paesi stranieri, compresa la Russia.

“Le grandi aziende tecnologiche stanno fallendo nel dovere di diligenza che devono nei confronti dei loro utenti, agendo contro contenuti dannosi e nel rispetto dei loro diritti alla privacy dei dati”.

Il rapporto richiede importanti modifiche al modo in cui il Regno Unito regola le sue elezioni e il rapporto con la tecnologia, tra cui:

  • Regole più severe che costringeranno le aziende tecnologiche a rimuovere contenuti illegali sul loro sito
  • Un codice etico che definisce quale sia un “contenuto dannoso”
  • Un osservatore indipendente che sorvegli sull’applicazione di quel codice
  • Nuove leggi sulla pubblicità politica online

Il segretario alla Cultura del Regno Unito Jeremy Wright si recherà negli Stati Uniti questa settimana per incontrare i responsabili delle principali aziende tecnologiche, tra cui Zuckerberg, per parlare di contenuti dannosi online.

Facebook ha negato di aver violato le leggi sulla privacy e ha dichiarato di non aver trovato prove di interferenze straniere nel referendum sulla Brexit.

In una dichiarazione, il responsabile delle politiche pubbliche di Facebook, Karim Palant, ha dichiarato che la società condivide le preoccupazioni del comitato e ha affermato che sta prendendo provvedimenti per migliorare i propri processi.

Egli ha detto: “Condividiamo le preoccupazioni del Comitato in merito a notizie false e l’integrità elettorale e siamo lieti di aver dato un contributo significativo alle loro indagini negli ultimi 18 mesi, rispondendo a oltre 700 domande e con quattro dei nostri dirigenti più anziani che hanno fornito prove.

“Siamo aperti a una regolamentazione significativa e supportiamo la raccomandazione del comitato per la riforma della legge elettorale, ma non stiamo aspettando, abbiamo già apportato modifiche sostanziali in modo che ogni annuncio politico su Facebook debba essere autorizzato, dichiarando chi lo sta pagando per essere poi archiviato in un archivio consultabile per 7 anni.

“Anche se abbiamo ancora molto da fare, non siamo la stessa società di un anno fa. Abbiamo triplicato le dimensioni del team che lavora per rilevare e proteggere gli utenti da contenuti non validi a 30.000 persone, investendo molto nell’apprendimento automatico, l’intelligenza artificiale e la tecnologia di visione artificiale per aiutare a prevenire questo tipo di abuso “.

Articoli simili

Pinterest deposita i documenti per l’ipo. Possibile il debutto in Borsa a giugno

The Daily Geek

Facebook chiamato a documentare le modalità operative dei giochi “free to play”

The Daily Geek

WhatsApp pone un limite all’inoltro dei messaggi per combattere le notizie false

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più