LG presenta due brevetti per smartphone con display pieghevoli

by The Daily Geek 96 views0

Gli smartphone pieghevoli sono ormai una realtà tangibile, il primo arrivato sul mercato l’anno scorso è stato lo ZTE Axon M; tuttavia, ZTE è solo una delle tante aziende che stanno lavorando su un display pieghevole. Samsung, LG e Huawei stanno lavorando su dispositivi pieghevoli.

I dettagli che circondano la maggior parte di questi dispositivi sono ancora super segreti, ma abbiamo dato un’occhiata ai brevetti per due dei dispositivi pieghevoli di LG . Il primo disegno mostra un dispositivo formato da due corpi che condividono un unico grande display. Quando il telefono è aperto, la visualizzazione sarà simile a quella di uno schermo tablet. Quando è chiuso, si avrà a disposizione un dispositivo più piccolo simile a uno smartphone tradizionale. La parte anteriore dei dispositivi offre una schermata principale in grado di fornire informazioni aggiuntive quali: notifiche, messaggi e altre funzionalità.

 

Naturalmente, la società non è estranea al display flessibile: abbiamo visto molti prototipi flessibili dell’azienda negli ultimi anni e, sebbene non siano sicuramente pronti per i dispositivi consumer, stanno migliorando. Ora, tuttavia, sembra che la società sia pronta a portare la produzione al livello successivo.

In effetti, l’azienda ha iniziato ad attrezzare uno dei suoi stabilimenti con macchinari necessari per produrre display flessibili in massa e ha completato gran parte della ricerca richiesta per produrre un dispositivo con display flessibile. LG ha anche firmato contratti con Ignis Innovation, una società canadese che costruisce circuiti flessibili.

La tecnologia di Ignis affronta una serie di problemi spesso associati ai display pieghevoli. La tecnologia utilizza sia l’hardware che il software incaricati di monitorare costantemente i pixel, assicurando che stiano riproducendo in modo corretto le immagini, indipendentemente dalla posizione in cui si trovano i circuiti flessibili. La società ha depositato centinaia di brevetti per la relativa tecnologia, ed è apparentemente l’unica azienda ad aver trovato una soluzione. Ancora più interessante è il fatto che il contratto di Ignis non è esclusivo, nel senso che se la tecnologia si rivela utilizzabile, potrebbe finire su dispositivi di altri produttori concorrenti.

Come accennato, LG non è l’unico a sviluppare dispositivi pieghevoli. Si dice che Samsung stia lavorando su un telefono pieghevole , che verrà rilasciato in futuro. Il 2018 riserverà parecchie sorprese interessanti in tale ambito tecnologico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>