The Daily Geek
Image default
Home » PURE Evoke H6: la libertà fatta musica!
Audio Featured Gadgets Smart Life Test

PURE Evoke H6: la libertà fatta musica!

Quando ci é giunta in redazione la radio digitale PURE Evoke H6 con la scocca color noce ci siamo accorti subito che definire questo dispositivo “radio” (da cucina o da tavolo) é estremamente limitante. Nonostante l’aspetto retrò, peraltro molto gradevole, il dispositivo é  un concentrato di tecnologia estremamente versatile, che si adatta a qualunque tipologia di uso, sia stazionario sia in mobilità, richiamando alla mente l’esperienza utente liberatoria dei primi Ghetto Blaster o Boombox che dir si voglia.

 

Panoramica del dispositivo

La radio é dotata sia di alimentazione esterna (inclusa nella confezione) sia di una batteria ricaricabile (il Pure ChargePAK F1, con un’autonomia nominale di fino a 50 ore) acquistabile separatamente al prezzo medio di 49 / 55 CHF nei più noti online shop. Un acquisto da fare indubbiamente per portare la radio ovunque serva, proprio come il Boombox dei vecchi tempi, sebbene decisamente meno ingombrante e più elegante. Non ci risulta che PURE offra un bundle di radio e batteria, lo raccomanderemmo.

 

PURE Evoke H6
Contenuto della confezione del PURE Evoke H6

Alla prima accensione la radio avvia la scansione automatica dei canali radio DAB. Una funzione comoda per poter partire subito con l’ascolto della stazione preferita. La qualità audio risulta eccellente grazie all’amplificazione digitale. L’equalizzazione é personalizzabile utilizzando modalità preconfigurate in base alla tipologia di brano, facilmente selezionabili tramite l’apposito menu. Le due casse frontali erogano un suono stereo estremamente nitido e con 10 W ciascuna hanno una potenza sufficiente a coprire con la musica anche il chiacchiericcio del più rumoroso dei party.

La possibilità di selezionare più fonti per la riproduzione (DAB/DAB+ e FM – con rispettivamente 20 canali preimpostabili premendo un semplice pulsante -, Bluetooth, e altri tramite connettore per dispositivi ausiliari) soddisfa quasi qualsiasi esigenza. Per completezza il dispositivo avrebbe dovuto supportare anche le reti Wi-Fi. E chi volesse può collegarci anche delle cuffie cablate (non che abbia senso comunque a nostro avviso). Si tratta quindi di un prodotto molto più flessibile rispetto alle odierne casse Wi-Fi o Bluetooth che si limitano a riprodurre quanto loro trasmesso da dispositivi esterni (smartphone, tablet, PC) attraverso questi protocolli.

PURE Evoke H6
Vano batteria, alimentazione, jack per cuffie e AUX, porta micro-USB per aggiornamenti  del PURE Evoke H6

 

Il display TFT da 2.8” a colori presenta tutte le informazioni necessarie per configurare correttamente tutte le funzioni, tuttavia non é touch, cosa che ci ha lasciati un pò perplessi. Se sintonizzata sui canali radio DAB o FM, il display visualizza il logo della radio e il titolo del brano con, per chi la trasmette, la cover del brano diffuso. Se la radio é collegata via Bluetooth con un secondo dispositivo, al posto di tali informazioni viene indicata solo la data e lo stato della connessione. Pur partendo dal presupposto che si tratti di un limite della tecnologia e non del prodotto, ci spiace non poter leggere quanto meno il titolo dei brani a display. Speriamo in un miglioramento.

previous arrow
next arrow
Slider

Piccole chicche

Il produttore probabilmente sa che moltissimi utenti gradiscono avere una radio in cucina, come l’avevano le madri di un paio di generazioni fa, e ha dotato l’apparecchio di un timer che avvisa persino quando é scaduto il tempo di cottura. Una caratteristica che rende il PURE Evoke H6 ancora più simpatico.

E’ anche possibile impostare un timer per lo spegnimento e ben due sveglie con tanto di snooze per 5 minuti, come d’abitudine per chi utilizza ancora la sveglia digitale con radio incorporata in camera da letto. In stand-by la radio presenta sul display data e ora. L’illuminazione del display peraltro é dimmerabile sia selezionando manualmente il livello di intensità dell’illuminazione, sia in maniera automatica in base alla luce ambientale.

 

Incidenti di percorso

Mettete in mano un aggeggino di questo tipo ad uno smanettone e la prima cosa che andrà a guardare é se nel menu sono presenti informazioni sul firmware. Ci sono! Come anche la voce “aggiornamento software”. Non si può mica testare un dispositivo con software obsoleto! E se pensate che suddetto smanettone abbia prima letto il manuale del dispositivo, vi sbagliate di grosso. Click click ed ecco che la radio annuncia “sono in attesa del wizard sul PC per l’aggiornamento”. La radio va collegata al PC per aggiornare il firmware tramite porta micro-USB.

Sul sito di PURE non risulta attualmente presente un nuovo firmware per il dispositivo, ma il produttore menziona che il processo di aggiornamento non é supportato da PC con sistemi operativi da 64bit, come i nostri. Speriamo che questo piccolo neo venga presto rimosso.

 

Il nostro giudizio

Articoli simili

Musica per le vacanze estive con Pure

The Daily Geek

Nuovi sistemi Micro e Radio DAB: Performance smart e audio ottimizzato

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più