The Daily Geek
Image default
Home » Le sfide che Huawei deve affrontare per ottenere app Google su Huawei Mate 30
App Featured Mobile Sistemi Smartphone & Tablet Software Software

Le sfide che Huawei deve affrontare per ottenere app Google su Huawei Mate 30

Domani, i giornalisti di tutto il mondo si riuniranno in una sede a Monaco, in Germania, per guardare Richard Yu, CEO di Huawei Consumer Business Group, che annuncia gli ultimi prodotti consumer della sua azienda. Si prevede che la società svelerà due gadget indossabili, una televisione e quattro smartphone . L’attenzione si concentrerà in gran parte sulla nuova serie di smartphone Huawei Mate 30, che Google ha confermato che non possono essere venduti con app e servizi Google Play. Senza la suite di app di Google, i nuovi telefoni Huawei vivranno momenti difficili in Europa, India e altri mercati. Ma Richard Yu ha accennato all’IFA 2019 la società ha una soluzione alternativa per consentire agli utenti di installare app Google sul Mate 30, rilevando che il processo sarà “abbastanza semplice” per gli utenti. Non siamo estranei al sideload delle app e dei servizi Google Play su XDA, ma date le circostanze uniche di Huawei, abbiamo pensato che valesse la pena esplorare quali opzioni l’azienda ha e se possono davvero offrire agli utenti un modo per scaricare la suite di app di Google.

Certificazione MADA, GMS e Android

Affinché Google Mobile Services (GMS), una raccolta di app e servizi Google come Play Store e Play Services, sia preinstallata su un dispositivo Android, un produttore di dispositivi deve firmare un Contratto di distribuzione di applicazioni mobili (MADA) per diventare un partner Android con licenza . Quindi, il produttore del dispositivo deve creare un software che soddisfi tutti i requisiti per essere considerato compatibile AndroidPer Google, “I dispositivi che utilizzano Android per pubblicizzare la loro compatibilità con le app Android devono superare il test di compatibilità (CTS)”. Infine, il software deve superare Google Test Suite (GTS) per essere considerato compatibile con i servizi mobili di Google.

Abbiamo visualizzato una copia di un “grafico di geo-disponibilità” fornito ai produttori di dispositivi che firmano un MADA per distribuire app GMS nei 31 paesi dello Spazio economico europeo (SEE). Questo grafico è datato ottobre 2018, quindi probabilmente non riflette i requisiti aggiornati che Google stabilisce per i partner che distribuiscono app GMS nel SEE. 

Il “grafico di geo-disponibilità” distingue tra le app di Google in base all’importanza:

  • App GMS regolari : le app Core che DEVONO essere fornite con normali dispositivi Android.
  • App GMS Go : le app Core che DEVONO essere fornite con dispositivi Android (Go Edition).
  • Servizi principali : componenti software GMS che DEVONO essere spediti su tutti i dispositivi. Questi sono utilizzati da altre app di Google e non vengono mostrati all’utente nel programma di avvio.
  • App GMS opzionali : altre app GMS che il produttore del dispositivo può scegliere di precaricare.

Per lo Spazio economico europeo, le seguenti app GMS sono considerate “App GMS regolari:”

  • App Google *
  • Google Chrome*
  • Gmail
  • Google Maps
  • Youtube
  • Google Play Store
  • Google Drive
  • Google Play Music
  • Google Play Movies
  • Google Duo
  • Google Foto

* A seguito della multa di 4,34 miliardi di euro della Commissione europea per violazioni dell’antitrust , Google ora richiede ai produttori di dispositivi di firmare una licenza aggiuntiva per distribuire l’app Google e Google Chrome per i dispositivi venduti nel SEE.

I “Servizi principali” includono app di sistema e librerie come GMSCore (noto anche come Google Play Services), Google Services Framework, ConfigUpdater, AndroidPlatformServices, GoogleBackupTransport, Widevine DRM e altro. Le “App GMS opzionali” includono app Google come Google Calendar, Google Keep, Google Translate, Messaggi, Google Phone e molto altro. Google Pay è un’app GMS opzionale e i partner possono distribuire l’app se è stata lanciata nel Paese. Ad esempio, al momento della distribuzione di questo “grafico di geo-disponibilità”, Google Pay non era ancora stato lanciato in Francia, quindi Google ha avvertito che Pay “NON DEVE” essere inviato in quel paese e non può essere utilizzato in nessuna campagna marketing.

Poiché Huawei non è in grado di firmare un nuovo MADA con Google, Huawei Mate 30, Huawei Mate 30 Pro e Huawei Mate 30 Lite non potranno essere spediti con le versioni complete di qualsiasi app GMS, inclusi i Servizi di base. Quindi cosa possono fare Huawei e gli utenti per aggirare questa limitazione?


Applicazioni e servizi di Google Play con caricamento laterale

Anche se un produttore di dispositivi non riceve la certificazione da Google per l’invio di app e componenti GMS su un determinato dispositivo, potrebbe essere comunque possibile per gli utenti trasferirli manualmente.

scenario 1

Tieni presente che i servizi di base come Google Play Store e Google Play Services sono molto potenti e di solito dispongono di autorizzazioni che non possono essere concesse alle applicazioni utente standard. Pertanto, non è semplice come scaricare un file APK (il contenitore per un’applicazione Android) da Internet e installarlo. Queste applicazioni devono essere installate come applicazioni di sistema con autorizzazioni privilegiate .

Alcuni produttori di dispositivi, come Huawei stesso, il marchio secondario Huawei Honor, Xiaomi e altri, preinstallano ciò che mi piace chiamare versioni “stub” delle applicazioni richieste. Inoltre, impartiscono in anticipo a queste applicazioni le autorizzazioni privilegiate richieste. Questi APK “stub” sono sostanzialmente versioni dormienti che stanno solo aspettando di essere aggiornate; il trucco qui è che mentre non puoi semplicemente inserire Google Play Store e Play Services come app di sistema, puoi installare un “aggiornamento” sopra questi APK “stub” per attivarli e trasformarli nella loro versione completa. L’utente può scaricare le versioni complete più recenti di Google Play Store, Google Play Services e altre app Google da piattaforme di terze parti come APKMirror .

L’ Honor Magic 2, un dispositivo costituito da Huawei Honor sub-brand, è disponibile solo in un modello sul mercato cinese e, quindi, non viene fornito con il Google Play Store. Come indicato nella scheda Amazon di Huawei per il dispositivo, tuttavia, è possibile eseguire il sideload delle app di Google Play senza problemi. Questo perché, come mostrato nella schermata a sinistra da un dump del firmware Honor Magic 2, sono preinstallati i “Servizi principali” necessari. Inoltre, come mostrato nella schermata a destra, alle app Servizi principali sono state concesse le autorizzazioni necessarie per poter operare. 

Da quello che ho visto, Huawei, Honor e Xiaomi utilizzano questa pratica per i telefoni che vendono esclusivamente in Cina poiché i loro accordi di licenza Android richiedono che preinstallino le app e i servizi Google Play completi per i telefoni che vendono a livello internazionale. Sospetto che Huawei, Honor e Xiaomi lo facciano perché sanno che i loro dispositivi sul mercato cinese vengono spesso esportati in altri paesi.

Scenario 2

Basandosi sullo Scenario 1, un produttore di dispositivi potrebbe arrivare a fornire un downloader per app e servizi Google Play nel proprio app store. Il produttore di dispositivi cinese Meizu, ad esempio, adotta questo approccio . Nei giorni scorsi si è sentito parlare di un’applicazione ” Google Service Assistant ” che, dopo l’ispezione, sembra utilizzare le API aziendali Huawei per installare app e servizi Google Play. Gli utenti hanno utilizzato questa app per dispositivi come Honor 9X e Honor 9X Pro , entrambi attualmente venduti solo in Cina. Non sappiamo se Honor abbia sanzionato l’uso di questa app, quindi dopo le dovute ricerche abbiamo constatato che questa app non è attualmente disponibile su Huawei AppGallery.

Scenario 3

Se il produttore del dispositivo non precarica gli APK “stub” nel software, l’unico modo in cui l’utente può mettere in funzione Google Play Store e Google Play Services è installare manualmente queste app e concedere loro i privilegi richiesti. Questo non può essere fatto senza modificare il software sul dispositivo in un processo noto come “rooting”. L’accesso alla “root” garantisce all’utente la possibilità di modificare i file a cui normalmente non sarebbe autorizzato ad accedere. Pensalo come l’account “Amministratore” su Windows. Con l’accesso root, l’utente può installare facilmente app e servizi Google Play utilizzando un contenitore preconfezionato creato dai membri della comunità dal progetto Open GApps .

OpenGapps offre un pacchetto completo ma altamente compresso di tutte le app GMS necessarie. Sopra è mostrato il pacchetto “pico”, che contiene solo i Servizi di base necessari.

Tuttavia, il “rooting” del dispositivo non è privo di inconvenienti. Il processo per ottenere l’accesso alla “root” è specifico del dispositivo e talvolta può essere troppo difficile da eseguire per l’utente medio. Ottenere l’accesso al root richiede anche che il produttore del dispositivo fornisca un modo per “sbloccare il bootloader” o disabilitare le protezioni a livello di avvio richieste per ottenere l’accesso al root, che il produttore del dispositivo può o meno consentire. Huawei, ad esempio, non consente questa pratica . Infine, molti produttori di dispositivi annullano la garanzia se l’utente sblocca il bootloader, sebbene questa pratica potrebbe non essere valida in paesi con leggi sulla protezione dei dati dei consumatori più permissive.

Tutto ciò di cui abbiamo appena parlato riguarda solo l’ installazione di Google Play Store e Google Play Services. C’è ancora il passaggio per “eseguire” effettivamente queste app e potrebbe non essere semplice come toccare l’icona dell’app nel programma di avvio.


Crackdown di Google su dispositivi non certificati

Nel marzo del 2018, Google ha iniziato a mostrare un messaggio “il dispositivo non è certificato da Google ” ad alcuni utenti i cui dispositivi non hanno superato la certificazione di Google. Il messaggio avverte gli utenti che il produttore del dispositivo “ha precaricato app e servizi Google senza certificazione da parte di Google” e avverte i produttori di dispositivi che “hanno bisogno di una licenza di Google per distribuire app e servizi”. Fino a quando questo messaggio non viene revocato, non è possibile usa qualsiasi app di Google. L’unico modo in cui un utente può ignorare questo messaggio è registrare manualmente il proprio dispositivo con Google , ma è destinato a essere utilizzato solo dagli utenti che eseguono una “ROM personalizzata” (software post-vendita).

Errore di dispositivo non certificato di Google Play

Foto di XDA Senior Member liam_davenport

A Google non importa se i singoli utenti nella comunità ROM personalizzata installano app e servizi di Google Play, quindi perché Google ha chiuso per così tanto tempo la distribuzione dei pacchetti GApps anche se sono pienamente titolari dei loro diritti di chiusura? D’altra parte, Google  non si preoccupa se i produttori senza licenza stanno distribuendo le loro applicazioni, quindi, perché hanno cominciato a mostrare questo avvertimento lo scorso anno.

Articoli simili

LG ha lanciato l’aggiornamento stabile di Android 10 per il G8 ThinQ

The Daily Geek

Scorciatoie di Chrome che potrebbe ritornarvi utili

The Daily Geek

Utilizzo di una VPN su Android TV

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più