The Daily Geek
Image default
Home » Stadia: tutto ciò che c’è da sapere sul servizio di streaming di giochi di Google
Featured Software Spielzeug Test Videospiele

Stadia: tutto ciò che c’è da sapere sul servizio di streaming di giochi di Google

Immagina un mondo in cui non hai bisogno di hardware costosi per giocare alla prossima grande uscita di videogiochi; un mondo in cui tutto ciò che devi fare è aprire il browser Chrome, scegliere il videogioco che vuoi giocare e iniziare immediatamente senza alcuna necessità di un infinito download.

Questa è l’idea che sta dietro al servizio di cloud gaming di Google , Stadia. Dalla scheda Chrome alla versione 4K, 60 fps, in cinque secondi. Google promette che la potenza di cloud computing di Google Stadia sia l’equivalente di una console in esecuzione su 10.7 GPU teraflops, per capirci più della combinazione di PS4 Pro e Xbox One X messe insieme. Se Google mantiene questa promessa, potrebbe essere un punto di svolta.

Anziché aver bisogno di hardware di fascia alta, Stadia (che è stato prototipato con il soprannome di Project Stream ) permette di usare qualsiasi computer che si abbia in casa per giocare ai videogiochi. Google gestisce tutto il lavoro pesante sui propri server, che possono elaborare l’ultima versione del gioco ad alta risoluzione e frame rate, codificarlo in un flusso e consegnare tale flusso su Internet.

Al momento del lancio, Google promette che Stadia supporterà desktop, laptop, tablet e smartphone, senza la necessità di un box hardware, ma in esecuzione sul data center di Google.

Un paio di informazioni introduttive

  • Che cos’è? Un servizio di streaming  alla “Netflix per i giochi”.
  • Quando sarà lanciato? Ad un certo punto del 2019, i territori di lancio saranno: Stati Uniti, Canada e Regno Unito.
  • Quanto costerà? Resta da vedere – non è ancora sicuro se bisognerà pagare per i singoli giochi o un abbonamento o una combinazione di entrambi.

Come funziona Google Stadia

Finché si è connessi a Internet con una connessione veloce e stabile e si stà utilizzando una versione desktop recente del browser Chrome, questo rappresenta tutto ciò di cui si necessita per utilizzare Stadia.

Giocare a un videogioco su Stadia è semplice come aprire una nuova scheda in Chrome e andare alla homepage di Stadia.com del servizio , o anche saltare da un collegamento video di YouTube al gioco.

Google ti chiederà di eseguire un test di connessione che controlli la larghezza di banda internet, la latenza tra il tuo computer e i server e la percentuale di perdita dei dati. Google richiede una velocità di streaming di 15 Mbps, una latenza inferiore a 40 ms e una perdita di dati inferiore al 5%. Con questi requisiti soddisfatti, sarai pronto per tuffarti in un gioco.

La beta di Project Stream ha offerto Assassin’s Creed Odyssey, che è a dir poco un titolo impegnativo. Quando si avvia il gioco nella finestra di Chrome, la visuale viene portata a schermo intero e il gioco funziona esattamente come se fosse stato lanciato si un qualsivoglia gaming PC. Per giocare basta una tastiera e un mouse o collegare un controller di gioco.

Tutti i tuoi input sul computer vengono inviati ai server di Google, elaborati nel gioco e tutto ciò che accade viene trasmesso direttamente a te. Questo è il motivo per cui la latenza è così importante, perché non puoi avere una buona esperienza di gioco se tutto ciò che fai nel gioco compare un secondo dopo.

I limiti di Stadia sono ancora palesi, ma Google ha dichiarato che Stadia sarà in grado di scalare fino a 8K / 120 + fps frame rate, con 4K / 60 fps come standard. Questo è un livello molto al di sopra degli standard richiesti per una buona giocabilità di titoli su PC.

Quindi, in effetti, stai aprendo una nuova scheda che convoglia tutti gli input su un PC di gioco di fascia alta che trasmette immagini e audio allo schermo del tuo computer. Questo sistema è più semplice di altri, che ti mette a punto con un desktop virtuale che poi avvia Steam, Origin, Battle.net o che cosa hai.

Nel caso di Assassin’s Creed Odyssey su Stadia, devi ancora accedere ad un account Ubisoft per giocare, ma i beta tester non sono tenuti a possedere il gioco.

Sarai in grado di utilizzare la tastiera e il mouse o un gamepad per giocare a Stadia, e il gamepad di Google Stadia, un nuovo pezzo di hardware che, sembra particolarmente intelligente. Innanzitutto, risolve il problema della latenza: il gamepad si collega direttamente al cloud di Google, che elimina alcuni passaggi della catena di trasferimento dei dati, riducendo il ritardo tra gli input registrati dal gioco. Dispone inoltre di un pulsante dedicato di Google Assistant, che Google afferma verrà caricato con informazioni sul titolo che stai giocando, offrendo suggerimenti quando necessario o consentendo di accedere a speciali funzionalità di gioco degli sviluppatori.

Inoltre, supporterà il multiplayer multipiattaforma, a condizione che gli altri principali giocatori vogliano prenderne parte, ovviamente.

A questo punto non è chiaro se Google richiederà ai giocatori di acquistare giochi e pagare per il servizio di streaming in transazioni separate o se l’accesso a determinati giochi sarà incluso nel servizio.

Quali giochi saranno disponibili su Stadia?

Attraverso la beta di Project Stream, l’unico gioco disponibile era Assassin’s Creed Odyssey. Anche se questo non ci ha dato una visuale completa su quali giochi Google offrirà in futuro, ci ha dato un’idea di quali giochi di Google potrebbe essere in grado di offrire.

Per un’esperienza di gioco a 1080p a 30 fps con impostazioni elevate in Assassin’s Creed Odyssey, Ubisoft consiglia un sistema con le seguenti caratteristiche:

  • Sistema operativo: Windows 7 SP1, Windows 8.1, Windows 10 (solo versioni a 64 bit)
  • Processore: AMD FX-8350 @ 4,0 GHz, Ryzen 5 – 1400, Intel Core i7-3770 @ 3,5 GHz
  • Video: AMD Radeon R9 290 o NVIDIA GeForce GTX 970 (VRAM da 4 GB o superiore con Shader Model 5.0) o superiore
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Preset video: alto
  • Memoria: 46 GB di spazio disponibile sul disco rigido
  • DirectX: DirectX giugno 2010 Ridistribuibile
  • Suono: scheda audio compatibile DirectX 9.0c con driver aggiornati

Per 4K a 30fps e impostazioni elevate, le specifiche raccomandate aumentano fino a includere 16 GB di RAM, un processore AMD Ryzen 1700X o Intel Core i7 7700 più potente e una più robusta scheda grafica AMD Vega 64 o Nvidia GeForce GTX 1080. Con Stadia in streaming in video, questa limitazione potrebbe essere sradicata, portando i giochi AAA anche a portatili entry-level.

Inoltre, id Software ha confermato che Doom Eternal sta arrivando su Stadia – il team responsabile impiegherà solo poche settimane per trasferire il titolo sul servizio di cloud streaming di Google. Marty Stratton di id Software ha rivelato che Doom Eternal è in grado di girare su Stadia a 4K 60fps con HDR nativo.

Se il servizio è in grado di gestire Assassin’s Creed Odyssey a 1080p 60fps e Doom Eternal a 4K / 60fps, Stadia sarà in grado di farci giocare un gran numero di giochi che richiedono tali elevate impostazioni.

I giochi con un focus online più radicato potrebbero avere migliori prospettive di gioco su Stadia. Dato che i giochi online competitivi hanno spesso ritmi elevati e richiedono tempi di reazione di pochi secondi, la latenza aggiuntiva introdotta dallo streaming sarà probabilmente un problema. Ma Stadia si trova in una posizione di vantaggio – per superare questo problema – rispetto ad altri servizi simili, possedendo  un’infrastruttura che nessun altro ha in termini di cablaggio in fibra ottica e un controller Wi-Fi che si collega direttamente al cloud di Google. Ciò potrebbe significare per esempio la presenza di titoli multiplayer online come Fortnite che supporterebbe migliaia di giocatori anziché solo centinaia.

Un recente aggiornamento di Chromium ha anche aggiunto il supporto per i controller di Nintendo Switch al browser di Google, quindi sembra che potremmo ottenere più di semplici flussi di versioni PC.

Google ha anche annunciato il lancio di Stadia Games & Entertainment. Questa sarà una nuova unità di Google, con l’unico scopo di progettare giochi esclusivamente per la piattaforma di gioco di Google.

Ma, forse il più grande sviluppo per i creatori di contenuti e i loro spettatori, è Crowd Play che permetterà agli spettatori di giocare con i loro streamer preferiti semplicemente facendo clic su un pulsante.

Il grande obiettivo qui è la progettazione di un sistema che sia facile da giocare e facile da mostrare ai propri amici. A tal fine, Stadia invierà sia un segnale 4K sia al dispositivo che a YouTube contemporaneamente, consentendo di registrare ciò che stai facendo.

L’ultima funzione che Google ha mostrato si chiamava State Share, ovvero la possibilità per il giocatore di condividere qualsiasi la propria posizione o livello nel gioco con chiunque tramite un link Google. Se si è bloccati, nel proprio gioco o quello di un nostro amico, l’integrazione dell’assistente Google ci consentirà a richiesta di accedere a guide e procedure dettagliate.

Come è stato utilizzato Project Stream?

Al massimo della potenza disponibile, Project Stream si è rivelata un’esperienza molto positiva. Nel peggiore dei casi, Google non ci permetterà di giocare al di sotto di una certa soglia di qualità di banda e non interessebbe comunque a nessuno giocare con una così bassa qualità.

Project Stream è stato testato su varie configurazioni. Abbiamo giocato su una connessione Wi-Fi instabile a 2,4 GHz, una connessione Wi-Fi veloce e vicina a 5 GHz, e su una connessione ethernet mantenuta stabile che offriva un’elevata larghezza di banda. Tutto ciò senza poter utilizzare l’hardware dedicato che Google ha appena introdotto. Abbiamo anche fatto girare il gioco su un Chromebook vecchio di 5 anni, un Razer Blade di 3 anni e un moderno impianto di gioco desktop (Orion Predator) che è stato parecchio felice di poter gestire Assassin’s Creed Odyssey a 1080p / 60FPS sul proprio hardware. Abbiamo persino avviato un computer mentre un altro stava eseguendo il gioco e Google ha semplicemente trasferito il “controllo” sul secondo computer, senza interruzioni nello streaming.

In generale, possiamo descrivere l’esperienza come giocabile. L’hardware Chromebook molto datato non ci ha impedito di giocare. I problemi maggiori derivano da una cattiva connessione: se la velocità di connessione diminuisce, diminuisce anche la qualità del gioco, con risoluzione più bassa, latenza e compressione molto più evidente.

Detto questo, nella nostra esperienza, il degrado visivo è arrivato prima della latenza, quindi siamo stati in grado di continuare a combattere i nemici senza troppi problemi anche se hanno iniziato a sembrare sciami spettrali di pixel impazziti.

Nel complesso, la grafica è stata soddisfacente in tutti gli scenari, soprattutto quando si gioca su una connessione a banda larga che utilizza cavi Ethernet. Colori e ombre hanno un bell’aspetto e il frame-rate sembra variare tra 30 e 60fps.

Il frame-rate basso era uno dei due problemi che abbiamo riscontrato. L’altro era compressione. La maggior parte delle volte, non crea particolari problemi, ma quando ci sono un sacco di dettagli in una scena e molto movimento, la compressione trasforma tutto. I volti dei personaggi diventano sfuocati e i bordi squadrati dei personaggi – ad esempio i capelli – diventano morbidi. Stadia riuscirà a risolvere questi problemi prima del  lancio?

La verità è che la maggior parte delle volte era un “difetto” quasi impercettibile, e sarebbe ancora più difficile da individuare se non lo si stava cercando (noi lo stavamo cercando).

L’esperienza non è strabiliante, almeno finché non ti ricordi che stai utilizzando pochissima potenza di elaborazione del proprio computer e che anche se stiamo eseguendo una scansione antivirus di tutto il sistema in background non cambia assolutamente nulla. Le immagini sono paragonabili a quelle che otterresti su una console, tranne che con le sbavature quasi impercettibili qua e la dovute alla compressione.

Mentre il modello di prezzi e servizi adottato da Google andrà molto lontano nel determinare se Stadia è utile, possiamo dire che adesso il suo prototipo funziona, e sembra farlo molto bene. Microsoft XCloud sarà in grado di fare meglio?

Articoli simili

Galaxy Note10: potenza di un altro livello

The Daily Geek

Il comparto Smart Home (finalmente) foriero di buoni guadagni

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più