The Daily Geek
Image default
Home » La vettura BMW spiega la propria tecnologia di bordo
Auto Featured Hi-Tech Smart Life

La vettura BMW spiega la propria tecnologia di bordo

Il BMW Intelligent Personal Assistant è un assistente vocale che si attiva con la frase “Ciao BMW” ed è un vero professionista BMW a bordo. È, infatti, in grado di spiegare ogni sorta di funzione della vettura con supporti multimediali della guida di bordo digitale.

Ciao BMW, come funziona l’Assistente alla retromarcia?

Il Reversing Assistant è un ulteriore, piccolo, progresso verso la guida automatizzata. Questa funzione, introdotta con la nuova BMW X5 e disponibile sui modelli successivi con sistema operativo 7.0 e optional Parking Assistant, offre assistenza al guidatore per uscire da un parcheggio o per muoversi in retromarcia in un ambiante ristretto. Il Reversing Assistant memorizza costantemente gli ultimi 50 metri percorsi a marcia avanti a bassa velocità (entro i 35 km/h) ed è in grado di gestire lo sterzo per ripercorrerli esattamente in retromarcia. Il guidatore ha il compito di regolare la velocità di manovra tramite freno e acceleratore e controllare l’area circostante. Il sistema si avvia premendo un pulsante sul monitor centrale quando il veicolo è fermo. I movimenti dello sterzo effettuati durante l’ultimo tragitto in avanti del veicolo vengono memorizzati dal sistema e mantenuti per lunghi periodi anche dopo lo spegnimento e la chiusura del veicolo. Ciò significa che il Reversing Assistant può essere utilizzato per uscire in retromarcia da un parcheggio difficile effettuato il giorno precedente. Il guidatore gode della visibilità ideale, grazie sia alla telecamera posteriore sia alle funzioni SurroundView (Top View, Panorama View e 3D View) del Parking Assistant Plus che ricreano una vista a 360 gradi dell’auto e dei suoi dintorni sul Control Display.

Le BMW acquisiscono una personalità digitale.

Il BMW Intelligent Personal Assistant impara le routine e le abitudini del guidatore ed è successivamente in grado di applicarle nel contesto appropriato. Aiuta il conducente, apprende le sue preferenze e conosce le impostazioni preferite, ad esempio per il riscaldamento dei sedili o per i luoghi verso cui utilizzano frequentemente il sistema di navigazione (“Portami a casa”). Una caratteristica unica rispetto ad altri assistenti digitali è che i conducenti possono dargli un nome (ad esempio, “Ciao Charlie”) per dare ancora più individualità e personalità. Conosce le funzioni del veicolo ed è in grado di gestirle come richiesto. Dire “Ciao BMW, ho freddo” spingerà il BMW Intelligent Personal Assistant a regolare di conseguenza la temperatura all’interno della vettura, è inoltre in grado fornire informazioni sullo stato corrente (“Il livello dell’olio è a posto?”) e aiutare a rispondere alle domande (“Quali messaggi di avviso ho?”). Conosce le impostazioni preferite del conducente e può persino attivare una combinazione di esse per migliorare il benessere. Ad esempio, “Ciao BMW, sono stanco” avvia un programma di vitalità che regola i colori dell’illuminazione, la musica e la temperatura, tra le altre cose, al fine di rendere il guidatore più vigile.  L’assistente beneficerà di costanti aggiornamenti tecnici da remoto e sarà in grado di apprendere sempre più preferenze e impostazioni preferite.

Articoli simili

La vettura BMW spiega la propria tecnologia di bordo.

The Daily Geek

Amazfit Bip Lite 1S è ufficiale con 30 giorni di autonomia

The Daily Geek

Presentanto il propulsore per la BMW iHydrogen

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più