The Daily Geek
Image default
Home » WPA3: la crittografia Wi-Fi di nuova generazione
Featured Networking Software

WPA3: la crittografia Wi-Fi di nuova generazione

WPA è l’acronimo di Wi-Fi Protected Access e definisce la procedura con la quale un dispositivo wireless si connette a un punto di accesso Wi-Fi, ad esempio a un FRITZ!Box. Entrambe le parti negoziano una chiave condivisa che protegge i dati trasmessi. Lo standard WPA originale è nato nel 2003, il successivo WPA2 nel 2004. WPA3 è stato presentato nel 2018.

Quali novità introduce WPA3?

WPA2 è lo standard consolidato per la crittografia Wi-Fi e offre elevata sicurezza anche per il futuro. WPA3 definisce metodi di crittografia moderni (SAE) e assicura tra l’altro una maggiore sicurezza contro i cosiddetti “attacchi di dizionario”, impedendo così efficacemente la ricerca per tentativi delle password per la rete Wi-Fi che si sta utilizzando. Diventano inoltre obbligatorie altre caratteristiche di sicurezza, ad esempio i cosiddetti Protected Management Frames (PMF). Questi garantiscono uno scambio sicuro di dati durante la fase di notifica tra dispositivo wireless e punto di accesso Wi-Fi.

Come si attiva WPA3?

Per utilizzare WPA3 nella rete Wi-Fi locale, è necessario conoscere i requisiti preliminari. Per quanto riguarda il dispositivo wireless, ad esempio uno smartphone o notebook, il sistema operativo e il driver di rete Wi-Fi devono supportare WPA3.

  • Windows 10: WPA3 supportato a partire dalla versione 1903, supporto del driver diversificato.
  • macOS supportato WPA3 a partire dalla versione 10.15 (Catalina).
  • iOS e iPadOS: WPA3 supportato a partire dalla versione 13.
  • Andoid: WPA3 introdotto con Android 10. L’effettivo supporto potrebbe variare a seconda dello smartphone o del tablet.

A partire da FRITZ!OS 7.20, WPA3 è disponibile per i modelli FRITZ!Box e FRITZ!Repeater. WPA3 si attiva sul FRITZ!Box in “Wi-Fi” > “Sicurezza” e impostando poi la modalità Wi-Fi su “WPA2 + WPA3”. In futuro, i dispositivi wireless potranno connettersi con WPA2 o WPA3, assicurando così anche la compatibilità con la cosiddetta “Transition Mode”.

Suggerimenti per WPA3

Se avete attivato la modalità WPA “WPA2 + WPA3”, non si hanno quasi mai problemi. Per poter utilizzare WPA3 con alcuni dispositivi wireless, è necessario riconfigurare la connessione Wi-Fi. Dispositivi wireless più vecchi o ad esempio alcune stampanti wireless non supportano lo standard Protected Management Frames e quindi non possono più connettersi alla rete Wi-Fi, a meno che non si effettui un aggiornamento del firmware.

Ulteriori documentazioni su WPA3

Articoli simili

Stormshield e LogPoint uniscono le forze per una maggiore visibilità degli eventi di rete

The Daily Geek

E se l’antivirus veicolasse gli attacchi informatici?

The Daily Geek

WPA3: la nuova generazione di crittografia Wi-Fi

The Daily Geek

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito impiega cookies per migliorare la tua esperienza utente. Speriamo tu sia d'accordo ma puoi disattivare questa opzione se lo desideri. Accetta Leggi di più