È vivo! Gli scienziati creano una “vita artificiale” su un computer quantistico

by The Daily Geek 96 views0

“La nostra ricerca collega due aree precedentemente non correlate, come la vita artificiale e il calcolo quantico,” ha detto Lucas Lamata , uno dei ricercatori del progetto. “Il primo è un ampio campo di ricerca in cui lo scopo è riprodurre comportamenti biologici nei sistemi artificiali, mentre il secondo è un’area in rapida crescita negli ultimi anni e potrebbe rivoluzionare il calcolo e la comunicazione. Abbiamo posto principalmente la domanda fondamentale: qual è il più piccolo sistema fisico che può subire auto-replicazione e altri comportamenti biologici attribuiti in modo univoco agli esseri viventi? “I ricercatori erano interessati a capire se questi comportamenti si verificano a livello macroscopico in una molecola di DNA o al livello di pochi atomi dove domina la fisica quantistica. Nel loro lavoro, gli “individui” simulati erano rappresentati usando due bit quantici, o “qubit”. Si tratta di misure di informazioni che possono rappresentare una, nessuna, o qualsiasi sovrapposizione quantistica dei due stati. La loro dimostrazione suggerisce che un piccolo sistema quantistico può riprodurre comportamenti biologici e che il principio quantistico di “entanglement (aggrovigliamento)” gioca un ruolo cruciale in questa possibilità.

“Potremmo facilmente trovare diverse applicazioni, ancora da sviluppare, attorno alla teoria dei giochi quantistici e ai problemi di ottimizzazione” , ha detto Enrique Solano , un altro ricercatore del progetto. “Questi ultimi sono un luogo comune per applicazioni in economia, design, aerodinamica e sistemi biologici complessi. La fusione naturale di questa ricerca con metodi di intelligenza artificiale creerà un nuovo paradigma per esplorare la crescita della complessità, una risorsa importante degli studi presenti e futuri, dai sistemi molecolari agli oggetti astrofisici e ai comportamenti sociali “.

Un articolo che descrive il lavoro è stato recentemente pubblicato sulla rivista Scientific Reports .

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>